Layer: tutte le aziende rientranti nel programma (id: 4)

La legge n. Contestualmente all'invio delle lettere di licenziamento, il datore di lavoro, deve comunicare ai sindacati e all' Ufficio provinciale del lavoro e massima occupazione UPLMOla lista con relativi dati anagrafici dei lavoratori licenziati e il resoconto dei criteri di scelta applicati per aver licenziato quel lavoratore piuttosto che l'altro.

L'articolo 4, comma 1, della legge 19 luglio n. Ved anche circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. Del 23 settembre :. Quale data utile per il calcolo dei termini di presentazione della domanda deve essere presa in considerazione:.

L'articolo 16, comma 1, della legge n. La Corte Costituzionale, con sentenza n. Pertanto tali periodi, rientranti nel rapporto di lavoro, devono essere computati nel calcolo del requisito del lavoro effettivo circ. Inoltre, il distacco sindacale ai sensi dell'articolo 31 della legge 20 maggion. L'articolo 7, comma 3, della legge n.

Per i lavoratori rientranti nel campo di applicazione della legge 3 gennaion. Fdella legge 23 dicembren. Gli interessati potranno essere collocati in pensione, ai sensi dell'articolo 5 della legge n. Si riportano di seguito le proroghe disposte per l'anno circolare Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. L'articolo1, comma 1, del decreto legge 11 giugnon. L'articolo 1, comma 2, del decreto legge n. L'articolo 1, comma 5, del decreto legge n. Con decreto interministeriale n.

Con decreto n. L'articolo 59, comma 7, lettera cdella legge 27 dicembren. Gli elenchi dei nominativi dei lavoratori destinatari di tale norma sono messi a disposizione delle Sedi dalla Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Con circolare n. Tali importi, per l'annoal netto della riduzione di cui alla legge n.

L'articolo 7, comma 5, della legge n. L'articolo 9, comma 5, della legge n. I lavoratori che si rioccupino devono darne comunicazione alla competente Sede dell'INPS entro 5 giorni dall'avvenuta rioccupazione, ai sensi dell'articolo 4, comma 38, della legge n.

Nel caso di infortunio indennizzato dall'INAIL, per il riconoscimento del diritto alle prestazioni di disoccupazione, occorre far riferimento all'articolo 17 del R. L'articolo 5 della legge n.Il Regime Forfettario permette di poter godere di numerose semplificazioni fiscali e contabili.

Se sei un contribuente forfettario sarai esonerato dalla fatturazione elettronica. Per poter godere dei vantaggi fiscali del Regime Forfettario dovrai obbligatoriamente indicare nella fattura la tua natura di contribuente forfettario attraverso le diciture obbligatorie. La marca da bollo deve essere applicata sulla copia originale della fattura e deve avere data antecedente a quella del documento stesso. Leggi da 2 euro num. Nel caso in cui non si applichi la marca da bollo alle fatture si incorre in pesanti sanzioni.

Questa piattaforma permette la ricezione e la conservazione delle fatture elettroniche, anche se queste rientrando nel Regime forfettario non dovranno essere registrate e non potranno essere dedotte. Richiedi gratis una consulenza fiscale. Usa gratuitamente il simulatore delle tasse. Crea fatture illimitate. Salve, volevo sapere se sulla fattura non elettronica per il regime forfettario, sono obbligati i timbri : del professionista trasmissione tessera sanitaria pagamento tracciabile.

Buon pomeriggio Alice, Se ha piacere di ricevere assistenza specifica, le consigliamo di iscriversi alla nostra piattaforma. Flex Company S. Via Madama CristinaTorino P. Iva P. Euro 8. Stiamo lavorando per rendere FlexTax il portale di riferimento delle partite Iva. Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva. Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax.

Salta al contenuto Regime Forfettario indicazione in fattura. Lo spot di FlexTax su Mediaset.Home Legislazione DLgs 14 settembre n.

Come è fatta dentro - le novità sulla Volkswagen ID.3

Direttore Responsabile: Giulietta Lemmi. Potrai accedere ai servizi riservati, iscriverti alle newsletter, scaricare contenuti, consultare le scadenze e aggiungerle al tuo calendario. Indice Testo. I trattamenti straordinari di integrazione salariale afferiscono alla Gestione degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenziali istituita presso l'INPS, di cui all'articolo 37 della legge n.

La gestione di cui al comma 1 evidenzia l'apporto dello Stato, le prestazioni e la contribuzione ordinaria e addizionale. Nel caso di richieste presentate prima che siano trascorsi sei mesi dal trasferimento di azienda, il requisito relativo alla classe dimensionale deve sussistere, per l'impresa subentrante, nel periodo decorrente dalla data del predetto trasferimento.

Tale programma deve, in ogni caso, essere finalizzato a un consistente recupero occupazionale del personale interessato alle sospensioni o alle riduzioni dell'orario di lavoro. Il programma di crisi aziendale di cui al comma 1, lettera bdeve contenere un piano di risanamento volto a fronteggiare gli squilibri di natura produttiva, finanziaria, gestionale o derivanti da condizionamenti esterni.

A tal fine il Fondo sociale per occupazione e formazione, di cui all'articolo 18, comma 1, lettera adel decreto-legge 29 novembren. Al fine del monitoraggio della relativa spesa gli accordi di cui al primo periodo del presente comma sono trasmessi al Ministero dell'economia e delle finanze. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da adottare entro 60 giorni dall'entrata in vigore del presente decreto, sono definiti i criteri per l'applicazione del presente comma.

Il maggior lavoro prestato comporta una corrispondente riduzione del trattamento di integrazione salariale. Le quote di accantonamento del trattamento di fine rapporto relative alla retribuzione persa a seguito della riduzione dell'orario di lavoro sono a carico della gestione di afferenza, ad eccezione di quelle relative a lavoratori licenziati per motivo oggettivo o nell'ambito di una procedura di licenziamento collettivo, entro 90 giorni dal termine del periodo di fruizione del trattamento di integrazione salariale, ovvero entro 90 giorni dal termine del periodo di fruizione di un ulteriore trattamento straordinario di integrazione salariale concesso entro giorni dal termine del trattamento precedente.

La disposizione di cui al comma 5 non si applica alle imprese edili e affini. Proroga del periodo di cassa integrazione guadagni straordinaria per riorganizzazione o crisi aziendale 1.

Qualora sia rigettata l'istanza ai sensi del comma 1, si applica l'articolo 1-bis del decreto-legge 11 giugnon. All'onere derivante dai commi 1 e 2, pari a milioni di euro per l'annoa milioni di euro per l'anno e a 95 milioni di euro per l'annosi provvede a carico del Fondo sociale per occupazione e formazione, di cui all'articolo 18, comma 1, lettera adel decreto-legge 29 novembren.

E' stabilito un contributo ordinario nella misura dello 0,90 per cento della retribuzione imponibile ai fini previdenziali dei lavoratori per i quali trova applicazione la disciplina delle integrazioni salariali straordinarie, di cui 0,60 per cento a carico dell'impresa o del partito politico e 0,30 per cento a carico del lavoratore. In tale caso il Ministero richiede, comunque, il parere delle regioni interessate.

Accordo di ricollocazione 1 2. I lavoratori rientranti nei predetti ambiti o profili possono richiedere all'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro ANPALentro trenta giorni dalla data di sottoscrizione dello stesso accordo, l'attribuzione anticipata dell'assegno di ricollocazione, di cui all'articolo 23 del decreto legislativo 14 settembren.

In deroga all'articolo 23, comma 4, terzo periodo, del citato decreto legislativo n. Il servizio ha una durata corrispondente a quella del trattamento straordinario di integrazione salariale e comunque non inferiore a sei mesi. In deroga all'articolo 25 del medesimo decreto legislativo n. Le eventuali ulteriori somme pattuite nella stessa sede sono soggette al regime fiscale applicabile ai sensi della disciplina vigente. Nel caso in cui, nel corso del suo svolgimento, il predetto contratto venga trasformato in contratto a tempo indeterminato, il beneficio contributivo spetta per ulteriori sei mesi.

In caso di presentazione tardiva della domanda, il trattamento decorre dal trentesimo giorno successivo alla presentazione della domanda medesima. La domanda di concessione del trattamento straordinario di integrazione salariale deve essere presentata in unica soluzione contestualmente al Ministero del lavoro e delle politiche sociali e alle Direzioni territoriali del lavoro competenti per territorio.La Regione ha per capoluogo Firenze, dove si riuniscono di norma il consiglio e la giunta regionale.

La Regione fonda la propria azione sui valori della Costituzione italiana e sugli accordi tra gli Stati per la Costituzione europea. La Regione promuove le condizioni per uno sviluppo sostenibile per la soddisfazione dei bisogni della generazione presente e la salvaguardia della vita delle generazione future.

La Regione garantisce la partecipazione di tutti i residenti e dei toscani residenti all'estero alle scelte politiche regionali. La Regione promuove, nel rispetto dei principi costituzionali, l'estensione del diritto di voto agli immigrati. La Regione assume a base della sua azione i principi e i diritti del presente titolo, dei quali verifica periodicamente lo stato di attuazione.

Fa inoltre parte del consiglio regionale il presidente della giunta regionale. I consiglieri regionali entrano in carica all'atto della proclamazione. Esercitano le loro funzioni a partire dalla prima seduta del nuovo consiglio e fino alla prima seduta del consiglio della legislatura successiva, salvo i casi di cessazione anticipata.

Il consiglio procede, come suo primo atto, alla elezione al proprio interno del presidente del consiglio e dell'ufficio di presidenza. I consiglieri regionali rappresentano l'intera Regione senza vincolo di mandato e non possono essere chiamati a rispondere per le opinioni espresse e i voti dati nell'esercizio delle loro funzioni.

Ogni consigliere ha diritto, per l'espletamento del mandato, di accedere agli uffici della Regione e di ottenere la documentazione e le informazioni in loro possesso, nel rispetto delle norme a tutela della riservatezza e con obbligo di osservare il segreto nei casi previsti dalla legge.

I consiglieri esercitano il diritto del comma 2 anche nei confronti degli uffici degli enti, aziende ed organismi di diritto pubblico dipendenti dalla Regione. La Regione promuove l'accesso dei consiglieri presso altri enti e organismi pubblici e privati per ottenere le informazioni utili all'espletamento del mandato.

I consiglieri hanno i poteri di iniziativa previsti dall' articolo 23 ed esercitano le altre funzioni ad essi attribuite dallo Statuto, dalle leggi e dai regolamenti. La legge regionale disciplina anche, negli ambiti di propria competenza, forme di trattamento su base contributiva a beneficio dei consiglieri cessati dal mandato. Sono assicurati ai consiglieri servizi comuni e dotazioni individuali delle risorse necessarie al pieno esercizio delle funzioni. Il consiglio approva le leggi; i regolamenti di propria competenza; il programma di governo; gli atti della programmazione regionale, generale e di settore; gli atti della pianificazione territoriale regionale; i bilanci preventivi e, nei casi previsti dalla legge, le loro variazioni; i rendiconti della Regione; gli atti di indirizzo nei confronti degli organi di governo regionali per tutti i settori d'intervento e per le relazioni internazionali; gli accordi conclusi dalla Regione con altri Stati e le intese con enti territoriali interni ad essi; i rendiconti degli enti, delle aziende e degli altri organismi dipendenti dalla Regione.

Il consiglio concorre alla concertazione sugli atti di propria competenza e alla formazione degli atti comunitari, degli accordi con lo Stato, degli atti di intervento della Regione nella programmazione nazionale, degli atti interregionali.

Il regolamento interno disciplina i casi di cessazione anticipata dalla carica del presidente del consiglio per dimissioni, decadenza, mozione di sfiducia o altra causa. Il presidente rappresenta il consiglio regionale, lo convoca e ne dirige i lavori, cura le relazioni del consiglio con le istituzioni e gli organismi esterni regionali, nazionali e internazionali.

layer: tutte le aziende rientranti nel programma (id: 4)

Il presidente del consiglio chiede al presidente della giunta lo svolgimento di comunicazioni al consiglio sullo stato di attuazione delle politiche regionali. I vicepresidenti e i segretari sono eletti subito dopo il presidente a scrutinio segreto, con votazioni separate e con voto limitato ad un solo nominativo. L'ufficio di presidenza coadiuva il presidente nell'esercizio dei suoi compiti; propone il bilancio autonomo del consiglio; definisce gli obiettivi e gli indirizzi per l'organizzazione degli uffici consiliari e per la gestione del personale; nomina il segretario generale del consiglio, su proposta del presidente; verifica i risultati della gestione consiliare; esercita le altre funzioni ad esso attribuite dallo Statuto, dalle leggi, dal regolamento interno del consiglio.

La Regione dispone, per lo svolgimento delle funzioni dei gruppi consiliari e in rapporto alla consistenza dei medesimi, l'assegnazione di contributi finanziari, di personale, locali, servizi. I presidenti rappresentano i gruppi consiliari, rispondono della loro gestione, esercitano le funzioni stabilite dallo Statuto e dal regolamento interno del consiglio.

Il consiglio istituisce commissioni permanenti nel numero e con le competenze stabilite dal suo regolamento. Il presidente della giunta non fa parte delle commissioni. Il presidente e i componenti della giunta hanno diritto e, se richiesti, l'obbligo di intervenire alle sedute delle commissioni, con diritto di parola e di proposta.

layer: tutte le aziende rientranti nel programma (id: 4)

Le commissioni permanenti esercitano, nelle materie di loro competenza, le funzioni istruttorie e referenti. Esercitano anche funzioni redigenti, nei casi previsti dal regolamento, se lo disponga il consiglio con voto unanime. Le commissioni hanno, nelle stesse materie, funzioni di monitoraggio, valutazione e controllo, anche di tipo economico-finanziario, sugli effetti prodotti dalle politiche regionali, sull'attuazione degli atti consiliari di indirizzo e di programmazione, sull'applicazione dei diritti e dei principi sanciti dal titolo primo.Al fine di armonizzare la normativa regionale in materia di appalti con la disciplina comunitaria e statale vigente, la presente legge disciplina i procedimenti contrattuali della Regione, degli enti strumentali della Regione e degli enti appartenenti al settore regionale allargato, aventi per oggetto l'acquisizione di servizi, prodotti, lavori ed opere, fatta salva l'autonomia negoziale del Consiglio regionale - Assemblea legislativa della Liguria, di cui alla legge regionale 17 agosto n.

Ai procedimenti disciplinati dalla presente legge, per quanto non espressamente previsto, si applicano le norme di cui al decreto legislativo 12 aprile n. I procedimenti contrattuali dai quali deriva un'entrata sono disciplinati dalla normativa regionale in materia di demanio e patrimonio regionale.

Sono comunque fatte salve le disposizioni della legge regionale 13 agosto n. Nel caso di procedimenti contrattuali degli enti appartenenti al settore regionale allargato, gli organi regionali e i dirigenti regionali, indicati nei successivi articoli, debbono intendersi sostituiti con gli organi e i dirigenti corrispondenti degli enti interessati, individuati in base ai rispettivi ordinamenti.

Gli enti di cui al comma 1, nel rispetto del codice dei contratti pubblici e della presente legge, possono disciplinare la materia contrattuale in relazione ai profili organizzativi e contabili propri dei rispettivi ordinamenti. I capitolati di cui al comma 2 sono richiamati nei bandi e negli inviti a presentare offerta e costituiscono parte integrante dei contratti.

I provvedimenti di cui ai commi 1 e 2 sono adottati dalla Giunta regionale previa concertazione con le parti sociali interessate. Le modifiche al programma triennale dei lavori pubblici che si rendessero necessarie in corso d'anno, non comportanti variazioni delle dotazioni finanziarie complessive del programma, sono adottate mediante deliberazione della Giunta regionale. I contratti della Regione per lavori, forniture, beni e servizi il cui valore stimato al netto dell'imposta sul valore aggiunto I.

Qualora ricorrano le condizioni previste dal codice dei contratti pubblici, i contratti di cui al comma 1 possono essere aggiudicati mediante dialogo competitivo, ovvero mediante accordi quadro. Per le procedure di affidamento si applica quanto disposto dall'articolo 10 della presente legge. Il dirigente della struttura competente in materia di gare e contratti, all'inizio della fase di affidamento di un contratto, individua il responsabile del procedimento di affidamento ai sensi della normativa vigente.

Il provvedimento di indizione di una gara per l'affidamento di lavori pubblici contiene il progetto, comprensivo degli elaborati tecnico-amministrativi, ed il piano finanziario dell'opera con riferimento al bilancio annuale e pluriennale della Regione. La fase di prequalificazione deve comunque concludersi entro trenta giorni dal ricevimento delle domande di partecipazione.

Il responsabile del procedimento di affidamento redige il verbale di ammissione alla gara, dando motivazione delle eventuali esclusioni, e lo sottoscrive insieme ai due testimoni. Il responsabile del procedimento di affidamento assicura la segretezza dell'elenco degli operatori economici invitati alla gara.

layer: tutte le aziende rientranti nel programma (id: 4)

Per quanto non previsto dal presente articolo si applica la vigente normativa nazionale. Le sedute di gara sono pubbliche, ad esclusione di quelle svolte nell'ambito della procedura negoziata senza pubblicazione del bando.

Il dirigente della struttura competente in materia di gare e contratti adotta il provvedimento di aggiudicazione definitiva entro quindici giorni dalla data di ricevimento del verbale di aggiudicazione provvisoria e dopo avere effettuato le verifiche previste dal codice dei contratti pubblici; con tale provvedimento si approva lo schema di contratto.

L'aggiudicazione definitiva diventa efficace dopo la verifica del possesso dei requisiti prescritti ai fini della stipulazione del contratto. Il Direttore generale competente in materia di gare e contratti, con proprio provvedimento, disciplina i profili tecnici delle aste elettroniche, fermo restando quanto disposto al riguardo dal codice dei contratti pubblici e dalla presente legge.

Legislazione

Tali elenchi possono essere utilizzati per l'aggiudicazione di procedure sotto soglia comunitaria, comprese le acquisizioni di beni e servizi e l'affidamento di lavori effettuati mediante ricorso al servizio di economato.

I contratti ad esecuzione periodica o continuativa relativi a servizi o forniture contengono una clausola di revisione periodica del prezzo, operata sulla base di un'istruttoria effettuata dal dirigente della struttura richiedente al quale compete l'esecuzione del contratto secondo quanto disposto dal codice dei contratti pubblici. Nei casi di appalti di servizi o forniture il dirigente della struttura richiedente nomina con proprio provvedimento Direttore dell'esecuzione del contratto un dipendente di categoria D ovvero ne assume direttamente la direzione.Documenti Legislazione Direttive Sicurezza D.

Documenti Legislazione DM. Norme armonizzate Direttiva click Prassi di riferimento. Efficienza Energetica. Della sorveglianza sanitaria, come della valutazione dei rischi, abbiamo una definizione precisa derivante dallo stesso D.

Il protocollo sanitario art. In concreto i rischi lavorativi evidenziati nel D. Nel presente manuale verranno quindi presi in esame i rischi ed i relativi protocolli sanitari previsti nelle strutture INAIL uffici e centri medico legali. Costruzioni D. Sicurezza 3.

Cosa serve impostare il layer break?Ho fatto una ca.....ta?

Legislazione Sicurezza 2. Soggetti abilitati. Documenti Sicurezza. Incendi 2. Marcatura CE 6. Documenti CE. Direttive CE 1. Direttiva macchine. Guide Ufficiali CE. Documenti Direttiva macchine. Norme armonizzate click. Normazione 4. Norme armonizzate. Norme armonizzate - Lista. Direttiva Click. Ambiente 4. Documenti Ambiente. Legislazione Ambiente. Acque balneazione. Chemicals 2. Documenti Chemicals. Legislazione Chemicals 2.

Convertitore GHS. Banca Dati SDS.Tutte le News Categorie Search Syndication. Sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. I tecnici abilitati dovranno preventivamente presentare al Sevizio Agricoltura della Regione la richiesta di autorizzazione all'accesso utilizzando la modulistica allegata al bando.

Le azioni della misura ammissibili al finanziamento sono: azione 1: Miglioramento boschi esistenti produttivi; azione 2: Investimenti per prima lavorazione del legname. La domanda di aiuto, redatta secondo lo schema disponibile sul portale www. Sono esclusi gli agricoltori che beneficiano del prepensionamento. Il richiedente deve dimostrare il legittimo possesso del terreno agricolo che intende imboschire.

Misura Primo imboschimento dei terreni agricoli. Accedi Registrazione. Link di interesse. Archivio news. International Forum of small ports in the Adriatic and Mediterranean sea.

Il Municipio. Facciamo sistema. Servizi On-line. Diritti SUAP. Agenzia d'Affari. Compravendita di Cose Usate T.

Indennità di mobilità

Manifestazioni Sorte locale. Noleggio senza Conducente. Noleggio con conducente - autobus. Pubblico Trattenimento - Spettacolo. Sala Giochi e App. Marketing territoriale e finanziamenti pubblici.

Conferenze di servizio e avvisi. News e avvisi.